Margaret Bourke-White

Margaret Bourke-White

Margaret Bourke-White photograph Aerial view of a battle-damaged town in central Italy February 1944
© The LIFE Picture Collection and Getty Images

 

“La vita è come un paesaggio. Si vive in mezzo ad esso, ma si può descrivere solo da una certa distanza.” Charles Lindbergh

Cultural Documents è stata alla ricerca delle immagini di Margaret Bourke-White come parte di un programma che usa l’arte storica e contemporanea e la fotografia documentario come mezzo per rendere tangibile l’area scoperta tra la Valle del Volturno e la Val Comino in Italia. 

“Life is like a landscape. You live in the midst of it but can describe it only from the vantage point of distance.” Charles Lindbergh

Cultural Documents has been researching the images of Margaret Bourke-White as part of a programme which uses historic and contemporary art and documentary photography as a means of rendering tangible the raised landmass between the Valle Volturno and Val Comino in Italy.

Since 1850, this area has been deeply affected by four factors: labour-motivated migration, occupation and sustained conflict during 1943 and 1944, the formation of the new, autonomous region of Molise and the impact of the San Donato earthquake of 1984. These factors have led to continuous depopulation, abandonment of homes and entire villages, arable land returning to shrubbery and forest and the territory returning to a state of pre-cultivation. Located less than two hours from Rome and Naples, many communities have seen depopulation rates of over 70% during the last 100 years.

Fin dal 1850, quest’area è stata profondamente influenzata da quattro fattori: la migrazione dei lavoratori motivati, l’occupazione e il conflitto sostenuto tra il 1943 e il 1944, la formazione della nuova autonoma regione del Molise e l’impatto del terremoto di San Donato del 1984.  Questi fattori hanno portato allo spopolamento continuo, all’abbandono di case e interi villaggi, le terre coltivate tornarono ad essere cespugli e foreste e il territorio tornò ad uno stato di pre-coltivazione. Situato a meno di due ore da Roma e Napoli, molte comunità hanno visto tassi di  spopolamento di oltre il 70% nel corso degli ultimi 100 anni.

Until 1963, the area was part of the Region Abbruzzo-Molise; thereafter, a border has divided the landmass in two. Today, the forests are discreetly managed by the Corpo Forestale, commercial forestry operators and voluntary conservation workers reclaiming hundreds of kilometers of dry-stone road-ways and path-ways. These hand-built routes carried all communication and commerce until 1943, when in few months of the winter, the massive German and Allied engineering resources laid the first asphalt roads, diverted rivers and constructed dams, rendering the indigenous routes redundant and consigning them to obscurity, increasingly invisible underneath each year’s new foliage and fading memories.

Fino al 1963, l’area faceva parte della Regione Abruzzo-Molise; da allora in poi, un confine ha diviso il territorio in due. Oggi le foreste sono discretamente gestite dal Corpo Forestale, dagli operatori forestali commerciali e dai volontari conservatori che bonificano centinaia di chilometri di strade bianche e sentieri.

Queste strade create manualmente costituivano tutte le vie di comunicazione e per il commercio fino al 1943, quando in pochi mesi di inverno, le grandi risorse ingegneristiche dei tedeschi e degli alleati hanno gettato le prime strade asfaltate, deviando fiumi e costruendo dighe, rendendo i percorsi indigeni ridondanti e consegnandoli all’oscurità, ogni anno sempre più invisibili sotto il fogliame e le memorie sbiadite.

The  only other participant who uses the territory is the returning migrant, undertaking his annual act of re-visiting his place of origin and memory.

L’unico altro che usa il territorio è il migrante di ritorno, che riprende il suo atto annuale di rivisitare il suo luogo di origine e di memoria.

A key objective of the research is to find existing or create new images of the territory in order to facilitate reflection upon the nature of the territory from representations of it rather than within it. The images collated so far present a range of scale and distances of orientation, facilitating consideration of the territory and the issues of productivity, conservation and ownership.

Uno dei principali obiettivi della ricerca è quello di trovare immagini del territorio esistenti o crearne di nuove, al fine di facilitare la riflessione sulla natura del territorio da rappresentazioni di esso piuttosto che dall’interno di esso. Le immagini raccolte finora presentano una vasta gamma di grandezze e distanze di orientamento, facilitando considerazioni sul territorio e sulle questioni di produttività, di conservazione e di proprietà.

Margaret Bourke-White (USA 1904-71) was an American photographer, war correspondent, author and photojournalist. Her iconic photographic images are acknowledged world-wide as representing the spirit of many of the key historical events of the twentieth century. Among her many achievements, she was the first American female war correspondent, the first foreigner permitted to photograph Soviet industry, and her photography was used for the front cover of the first edition of Life magazine. She authored more than ten books and received numerous awards over her career, including honorary doctorates from Rutgers University and the University of Michigan, USA.

Margaret Bourke-White (USA 1904-1971) è stata una fotografa americana, corrispondente di guerra, autrice e fotoreporter. Le sue iconiche immagini fotografiche sono riconosciuti in tutto il mondo come rappresentanti dello spirito di molti dei principali eventi storici del XX secolo. Tra i suoi numerosi successi, è stata la prima corrispondente di guerra americana di sesso femminile, la prima straniera con il permesso di fotografare l’industria Sovietica, e la sua fotografia è stata utilizzata per la copertina della prima edizione della rivista Life. Ha scritto più di dieci libri e ha ricevuto numerosi premi nel corso della sua carriera, tra cui dottorati onorari da Rutgers University e della University of Michigan, Stati Uniti d’America.

In 1943 and 1944 Bourke-White was posted by the US Army to the upper Volturno Valley in Italy, to document the war effort and chronicle the daily experiences of the Allied troops working to replace the bombed-out bridges and roadways which provided medical, food and munitions supplies to the soldiers on the front-line. Flying back and forth between the Volturno, Rapido and Liri rivers, Margaret Bourke-White created a unique and visually stunning archive of images which record the minute detail of everyday civilian life attempting to thrive in the midst of sustained, intense military conflict.

Nel 1943 e nel 1944 la Bourke-White è stata pubblicata dall’esercito statunitense per il lavoro relativo alla Valle superiore del Volturno in Italia, per documentare lo sforzo bellico e descrivere le esperienze quotidiane di lavoro delle truppe alleate per sostituire i ponti e le strade bombardate e per la fornitura di medicine, cibo e munizioni ai soldati in prima linea. Volando avanti e indietro tra i fiumi Volturno, Rapido e Liri, Margaret Bourke-White ha creato un archivio unico e a forte impatto visivo di immagini che registrano in dettaglio la vita di tutti giorni  dei civili  che tentano di sopravvivere in mezzo al grande, violento conflitto militare.

Cultural Documents is undertaking the first research into the remaining archive of these images located at Syracuse University and the Time Life archives in the USA, and will make the first public exhibition of them in 2018.

Cultural Document sta intraprendendo la prima ricerca su ciò che resta dell’archivio di queste immagini che si trovano presso l’Università di Siracusa  e presso  gli archivi della Time Life negli Stati Uniti, e farà la prima mostra pubblica nel 2018.

Artist Lachlan Young has been working with Cultural Documents, commenting “Margaret Bourke-White’s equipment choices were essentially those of a mid-20th Century news photographer/ photojournalist – they weren’t radical or new in the way that Robert Capa’s use of 35mm was. The use of larger formats was dictated by a need for a high quality negative which could be radically cropped if necessary.

L’artista Lachlan Young ha lavorato con Cultural Documents, commentando “la scelta dell’attrezzatura di Margaret Bourke-White è stata essenzialmente quella dei nuovi fotografi/fotoreporter della metà del 20° secolo – non era una scelta radicale o di nuova come aveva fatto Robert Capa con il 35mm. L’uso di grandi formati è stato dettato dalla necessità di un negativo di alta qualità che poteva essere completamente ritagliato se necessario.

In one image she’s set up a Graflex Series B SLR with a long telephoto (looks a lot like a Dallmeyer), a Linhof Technika II with a long lens (on the tallest tripod) and a Graflex Speed Graphic. Other images suggest that she also used 120 rollfilm in a Rolleiflex.

In un immagine sta montando una Graflex Serie B reflex con un lungo teleobiettivo (assomiglia un po a Dallmeyer), una Linhof Technika II con un obiettivo lungo (sul treppiede più alto) e un Graflex Speed Graphic. Altre immagini suggeriscono che ha anche utilizzato una pellicola da 120 in una Rolleiflex.

It’s hard to tell from the range of images studied so far what her specific format choices were: the Linhof & Speed Graphic might be 4×5 versions, but the Graflex Series B is more likely to be quarter plate or smaller. According to the manufacturer’s catalogue of the era, the Dallmeyer Dallon telephoto in the Syracuse collection only covers 2.25×3.25. The Graflex and Speed Graphic were popular with press photographers of the era for a number of reasons – the Graflex had a focal plane shutter offering action stopping shutter speeds and direct viewing of the subject; the Speed Graphic because it could be used with leaf shutter lenses for easy synchronisation with flash at all speeds and had a rangefinder for accurate focusing in all light levels. However, the image shows all three cameras being used as more traditional large format view cameras with direct vision ground glass focusing – if she is preparing to photograph an air battle as per the caption, this would not be surprising as she would want to ensure the cameras were accurately focused at infinity.

E ‘difficile dire dalla gamma di immagini studiate finora quale era la sua specifica scelta di formato: il Linhof & Speed ​​Graphic potrebbe essere 4 × 5 , ma il Graflex Serie B è più probabile che sia quarto di lastra o più piccolo. Secondo il catalogo dell’era del produttore, il teleobiettivo Dallmeyer Dallon nella collezione Siracusa copre solo 2,25 × 3,25. Il Graflex e Speed ​​Graphic erano popolari tra i fotografi della stampa dell’epoca per una serie di ragioni – il Graflex aveva un otturatore a tendina che offriva azione di arresto velocità dell’otturatore e visualizzazione diretta del soggetto; lo Speed Graphic perché  poteva essere usato con lenti otturatore a lamelle per una facile sincronizzazione con il flash a tutte le velocità e aveva un telemetro per la messa a fuoco accurata in tutti i livelli di luce. Tuttavia, l’immagine mostra tutte e tre le telecamere utilizzate come grandi banchi ottici formato più tradizionale con vetro visione terra diretta di messa a fuoco – se si fosse preparata a fotografare una battaglia aerea secondo didascalia, non sarebbe stato sorprendente quanto focalizzando le telecamere all’infinito.

Like many of her contemporaries she routinely utilised flashbulbs both (when photographing in low light) as a means of enabling adequate depth of focus through the small apertures required by larger formats, and also (in daylight) as fill-lighting to reduce contrast. This was standard practice in mid 20th century photojournalism to ensure good reproduction in the relatively coarse halftone processes used by mass market publications.”

Come molti dei suoi contemporanei, regolarmente utilizzava i flash (per fotografare in condizioni di scarsa luce) come mezzo per consentire un’adeguata profondità di fuoco attraverso le piccole aperture richieste dai formati più grandi, e anche (alla luce del giorno) come luce di riempimento per ridurre il contrasto. Questa è stata una pratica standard a metà del fotogiornalismo del 20 ° secolo per assicurare una buona riproduzione dei mezzitoni nei processi relativamente grossolani utilizzati da pubblicazioni del mercato di massa.”

The Margaret Bourke-White Papers are located at Syracuse University Libraries and span 1863 through 1984, comprise biographical material, correspondence, photographs (prints, negatives, color transparencies, slides, etc.), writings, and memorabilia of the American industrial photographer, photojournalist, war correspondent and author (1904-1971). The collection reflects her personal life and the United States during the Depression; World War II Africa, Germany, Italy and Russia; the partition of India; Korea’s guerilla war.

I Margaret Bourke-White Papers si trovano presso la  Biblioteca Universitaria di Siracusa e vanno dal 1863 fino al 1984, comprendono materiale biografico, corrispondenza, fotografie (stampe, negativi, diapositive a colori, diapositive, ecc), scritti e cimeli della American Industrial fotografa, fotoreporter, inviata di guerra e autrice (1904-1971). La collezione riflette la sua vita personale e negli Stati Uniti durante la depressione; Seconda Guerra Mondiale in Africa, in Germania, in Italia e in Russia; la divisione dell’India; la guerriglia della Corea.

Le immagini qui mostrate sono per gentile concessione di The LIFE Picture Collection and Getty Images.

The images displayed here are courtesy of The LIFE Picture Collection and Getty Images.

Translation from English to Italian by Monica Di Meo.

Connected Images

Margaret Bourke-White photograph Aerial view of a battle-damaged town in central Italy February 1944 © The LIFE Picture Collection and Getty Images

Margaret Bourke-White photograph Aerial view of a battle-damaged town in central Italy February 1944 © The LIFE Picture Collection and Getty Images

1943 Observation plane flying over Allied territory in the as it searches for German gun emplacements by Margaret Bourke-White © The LIFE Picture Collection/Getty Images

1943 Observation plane flying over Allied territory in the as it searches for German gun emplacements by Margaret Bourke-White © The LIFE Picture Collection/Getty Images